sfondocorpo.jpg
Parte_inferiore_fontana.jpg siempre.jpg

Prodotti per aziende: IMPIANTI D'INDURIMENTO :

Restauro libri
RESTAURO LIBRI

Nuove prospettive 

per il restauro di libri

 

Nuove prospettive per il restauro di libri.

Sistema di diluizione dei prodotti per togliere l'acido dalle pagine dei libri antichi.

Nei secoli scorsi le esigenze delle popolazione di sapere, comunicare, fare arte e poesia sono cresciute. Con l'inizio della produzione industriale di carta la stampa non si è più arrestata. La tecnica di stampa è stata completata, si sono abbassati i costi per mettere a disposizione i libri per la popolazione. La produzione industriale dei fogli in carta è iniziata nella meta del XIX secolo. Per la collatura della carta è stata utilizzata una combinazione a base di resina e allume (solfato d'alluminio). La combinazione resina e allumino produce l'acido solforico e delle sostanze acide. Quest'acido si è concentrato nella pagina ed ha iniziato il processo di distruzione della cellulosa. La durata media dei libri che sono stati stampati con quel metodo va da 50 a 80 anni, a seconda della durata dell'esposizione alla luce, temperatura, umidità e, non ultimo, dall'inquinamento industriale. Prima della produzione industriale dei fogli di carta si utilizzava la gallustine di ferro. Questa sostanza (solfato di ferro II) inizia il suo processo d'ossidazione quando s'inizia a scrivere le parole. Con questa reazione si crea l'acido solforico libero.Detto processo viene denominato Tintenfrass. Con l'acido le pagine dei libri antichi si sciolgono e vanno in polvere.

Togliere l'acido dalle pagine non è difficile per nostri impianti. Oggi si prova a memorizzare i documenti, i dati e le scritture dei libri antichi su di un microfilmato o digitando nel computer, ma per i libri più rari e costosi sono richiesti metodi razionali di restauro a base d'acqua, per salvare i documenti e libri. La disgregazione dei libri si può arrestare quando si provveda ad eliminare, in appositi laboratori, l'acido nelle pagine.

Per poter svolgere questo procedimento serve una grande quantità d'acqua con caratteristiche idonee raggiungibili tramite l'aggiunta di prodotti specifici. Queste soluzioni chimiche estraggono l'acido creando una riserva alcalina per la conservazione a lungo termine. Il problema principale per i restauratori è di avere a disposizione una grande quantità d'acqua "speciale" al momento giusto per la lavorazione. Con un restauro professionale si può salvare i libri.

 

Ringraziamo la biblioteca dell'università di Tuebingen per averci dato il permesso d'utilizzare le illustrazioni per il nostro prospetto.

 

la nuova frontiera per produrre l'acqua indurita si basa sulla combinazione tra impianto di trattamento dell'acqua e impianto di aggiunta con prodotti idonei. L'impianto di trattamento dell'acqua (con cartucce di demineralizzazione o osmosi inversa) dà un'acqua standard osmotizzata per il processo d'aggiunta con prodotti idonei. La portata dell'impianto è molto potente, in solo 135 minuti, l'impianto produce 300 litri acqua con una durezza di 195 °f con una valore pH tra 6 a 9. Con il metodo convenzionale si può produrre in 3 ore solo 40 litri d'acqua con una durezza di solo 65 °f.

Concetto intelligente per il restauro professionale,il sistema Vi convincerà per la sua professionalità, costruzione compatta e semplicità d'uso. Non occorre più pesare i singoli prodotti chimici.....

E' incluso inoltre nel sistema un dosaggio ottimale del CO2 per ridurre i costi dell'acqua. La capacità dell'impianto è prevista per restauratori che lavorano con l'impianto di bagnatura, con vasche d'immersione o che usano apparecchi di lavorazione particolari, quali ristrutturazione della trama dei fogli, o miscela delle colle.

Detto impianto è la soluzione ottimale per biblioteche ed archivi che desiderino un'acqua prodotta razionalmente a basso costo.

 Vantaggi: - 300 ltri di soluzione eliminano l'acido in 135 minuti - si può aggiustare il valore pH tra 6 e 9  -dosaggio ottimale del CO2 - non occorre travasare prodotti chimici - conservazione a lungo termine - riserva alcalina fino a 0,3%.

Sistema d'aggiunta per l'acqua pulita, desalinizzata con qualità standardizzata...

 

Pretrattamento                               Indurimento

 

 1. filtro
2. divisiore dei tubi
3. impianto d'addolcimento
4. Limitent (rilevazione della durezza) 
5. filtro a carbone attivo 
6. pompa ad alta pressione 
7. membrana di osmosi inversa 
8. programmatore 
9. contenitore di stoccaggio acqua addolcita 
10. pompa di lancio 
11. comandi per la pressione

 

1. contenitore di produzione a carico (batch) 
2. controllo valore pH
3. controllo della conduttivtà 
4. pompa con interruttore (acceso/spento) 
5. cartucce di minerali 
6. contenitore di CO2 
7. miscelatore di CO2

Per un restauro occorrono circa 1.000 litri d'acqua al mese, si consiglia l'utilizzo del sistema d'indurimento AR100. Il pretrattamento viene effettuato con una cartuccia di demineralizzazione totale tipo DESTILLO.

Per più di 1.000 l/mese vedi il tipo AR200 o AR300 dove si è aggiunto l' impianto d'osmosi inversa.

L'osmosi inversa lavora quasi senza manutenzione e non consuma prodotti chimici (come un impianto di demineralizzazione), trattiene tutti i metalli pesanti, cloro, inquinamento organico ed altre sostanze. L'impianto viene comandato in automatico. L'acqua osmotizzata va in un contenitore di stoccaggio (incluso nella consegna) è prelevata in automatico per ottenere la soluzione idonea per il restauro dei libiri. A valle del serbatoio di stoccaggio si può montare un'impianto di sterilizzazione a raggi UV per togliere eventuali microorganismi che disturberebbero altrimenti la lavorazione stessa. L'acqua è pretrattata e stoccata nel serbatoio. Dallo stesso parte un circuito chiuso dove s'aggiunge il CO2, il calcio e il magnesio. Durante il processo è sorvegliato il valore pH e la conduttività (indicate nel display). 

 

AR100

 

 

Dati tecnici indurimento per il restauro dei libri 

Sistema d'indurimento AR100 con cartuccia di deminerlizzazione tipo DESTILLO, impianti d'indurimento AR200/AR300 in combinazione con un impianto di osmosi inversa.

L'esperienza in campo c'insegna che: 
consumo fino 1.000 l/mese:     AR100 
consumo fino 2.000 l/mese:     AR200
consumo oltre 2.000 l/mese:    AR300

 

tipo 
impianto

 

tempo 
indurimento

 

quantità
d'acqua a carico

 

tensione

 

dimensione

 

peso

 

(min)

(l)

(kW)

lungh.xprof.alt.

(kg)

AR 100

60

100

0,78

610x610x2360

205

AR 200

120

200

0,78

610x610x2600

205

AR 300

135

300

0,78

720x720x2600

205

 

 

 

Ci riserviamo ogni cambiamento tecnico

www.apura.it

Versione 11/2015

 

 

 

 

Apura s.r.l. – Piazza Porto, 3 – 25084 Gargnano (BS) – Italy
Tel. **39 / 031-4154820 – Fax **39 / 0365-1892024 – Ufficio Vendite/Sales office: **39 / 329-7915851 – Ufficio Tecnico/Technical department: **39 / 333-7388380 info@apura.it – P.IVA/VAT No.: IT03560460176